Come identificare i ruoli nella tua azienda

dicembre 12, 2017 11:10 am Published by Leave your thoughts

Quando i ruoli ed i compiti sono chiari tutto funziona meglio e i collaboratori possono esprimere il loro massimo potenziale.

come-identificare-i-ruoli-nella-tua-azienda

Immagina una squadra di calcio composta da soli attaccanti … potrebbe mai vincere una partita?

Oppure immagina una squadra di calcio dove tutti vogliono fare l’allenatore.

Oppure immagina un gruppo di amici al bar dove tutti vogliono fare il presidente del consiglio 😊.

A me viene in mente il caos.

Sacchi, (l’allenatore del Milan che ha vinto tutto), in una sua intervista alla televisione ha dichiarato “l’organizzazione del gioco aiuta i giocatori”, ovvero quando i ruoli ed i compiti sono chiari tutto funziona meglio e i giocatori possono esprimere il loro massimo potenziale 😊.

E così, come in una squadra di calcio, anche nelle nostre imprese c’è bisogno di organizzazione.

Anche perché se non sei organizzato allora sei disorganizzato 😊.

A questo punto gli esperti di organizzazione potrebbero proporre infiniti modelli organizzativi, (funzionale, divisionale, a matrice, Lean, agile, …), quello che voglio fare io in questo post è farti alcune semplici domande.

Prendi carta e penna e preparati a rispondere. Sei pronto.

Molto bene. Si parte.

Oggi, considerando la situazione attuale, da zero a 10, (dove con zero non sei per nulla organizzato e con 10 sei perfettamente organizzato), quanto organizzato ti senti?

Risposto… molto bene.

Ecco la seconda domanda, questa è più impegnativa. Stasera vai a letto e nella notte accade, (stavo scrivendo succede, ma in questo caso accade…), un miracolo e la mattina quando entri in azienda tutto è organizzato, che cosa ti fa dire che sei perfettamente organizzato? Descrivi quello che vendi. Devono essere indicatori concreti. Sii molto dettagliato. Fai la fotografia della tua organizzazione ideale. Per rispondere a questa domanda ci vuole un po’ più di tempo, prenditelo, te lo meriti.

Risposto … molto bene.

Ora, se tu volessi deliberatamente fallire nel raggiungere la tua situazione ideale, cosa dovresti fare o non fare, dire o non dire, pensare e non pensare, se tu volessi deliberatamente essere disorganizzato? Scrivi tutto quello che ti viene in mente, sii molto creativo e trova tutti i modi possibili per fallire 😊, (in Cina si diceva che prima di drizzare qualcosa devi imparare a storcerla, vedi anche in G. Nardone, Cavalcare la propria tigre).

Fatto … molto bene.

Adesso parti dalla fine, ovvero riprendi quello che hai scritto alla 2° domanda, rileggi le risposte della domanda 1° e se 10 rappresenta il tuo punto di arrivo, (l’ultimo step che devi raggiungere per essere perfettamente organizzato), cosa deve succedere per arrivare a 9, e poi a 8 e poi a 7 e così via fino al primo step.

Fatto… questo è il tuo piano d’azione.

Ultimo sforzo, qual è la prima piccola azione, (semplice da fare, sotto il tuo controllo, che ti impegna per poco tempo), che puoi fare ORA per iniziare il cammino appena tracciato?

Scritta, ottimo FALLA ORA.

Se anche TU, come altre centinaia di imprenditori vuoi definire il tuo piano d’azione verso la tua organizzazione efficace ed efficiente insieme a noi, contattaci ora per fissare un appuntamento con un nostro esperto in educazione imprenditoriale 😊

PDI

Paolo Torregrossa

Se ti è piaciuto questo articolo richiedi maggiori informazioni cliccando qui.

Ricevi gli aggiornamenti dal
Blog di Gruppo Professionale
Ogni settimana riceverai un'email con gli ultimi articoli inseriti nel blog di Gruppo Professionale: idee e suggerimenti per chi fa impresa.

Condividi questo articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *